L’incredibile storia di amicizia tra un soldato e uno scoiattolo

Le storie che coinvolgano umani e animali in un vincolo di amore e amicizia sono sempre bellissime, ovviamente in primis per chi le vive, ma anche leggerle ed emozionarsi davanti a delle foto e dei video, ti fa comunque capire quanto sia labile nell’universo il confine tra gli esseri viventi, e basta un piccolo evento fuori dall’ordinaria routine per innescare qualcosa di meraviglioso e inaspettato.

In questi mesi abbiamo raccontato tante storie incredibili e appassionanti; ad esempio abbiamo conosciuto Joao Pereira e il pinguino DimDim che ogni anno nuota da solo per 8.000 chilometri per tornare a trovare l’uomo che gli ha salvato la vita, oppure il giovane ragazzo spagnolo che gira il mediterraneo in kayak con la canina Nirvana, o ancora “la pirata” Liz Clark che ha abbandonato il proprio lavoro per fare il giro del mondo in barca a vela con la sua gattina e infine come non ricordare anche Kuli, il gatto con un occhio solo che ama nuotare in mare e fare surf!

Ognuna di queste storie fa riflettere sul mondo degli animali e su quanto c’è ancora da imparare sul tipo di rapporto che riusciamo (o non riusciamo) ad instaurare con loro.

Oggi il nostro protagonista a “4 zampette” è un piccolo scoiattolo che, salvato da morte certa, si è affezionato al suo padrone e niente li ha più separati!

L’incredibile storia di amicizia tra un soldato è uno scoiattolo

Alcuni anni fa, durante un’esercitazione in un bosco, alcuni soldati bielorussi trovano a terra, sotto ad un albero, un piccolo scoiattolo di pochi giorni, immobile, in fin di vita. Raccolto da terra e posto al sicuro e al calduccio all’interno di un giaccone, l’animale viene portato fino al campo base e consegnato al sergente maggiore Pyotr Pankratau.

Lo scoiattolo da piccolo